Torna Indietro

Il vestito da sposa


Il vestito da sposa deve essere quello che avete sempre sognato, da scegliere secondo il proprio stile, romantico o con un tocco di originalità, classico o retrò. L'abito dovrà esaltare la figura, così una donna minuta potrà scegliere un abito con maniche importanti e qualche volant, con un velo non eccessivamente lungo. Per slanciare la propria figura si sceglierà invece un abito dalle linee morbide e cadenti che scivolino dolcemente. Chi ha i fianchi un pò evidenti può optare per linee senza tagli in vita in modo da nasconderli. Se la sposa è di statura alta potrà scegliere una gonna di tessuto morbido ed il punto vita ben segnato. I tessuti scelti saranno comunque pregiati, le rifiniture raffinate, le firme prestigiose. Per un effetto vaporoso ci si orienterà verso organza, voile o tulle. Per quanto riguarda il tailleur il tessuto scelto dovrà essere preferibilmente in seta, cady o matelassé. Il colore tradizionale dell'abito è il bianco segno di purezza ma ci sono soluzioni alternative, con ampio spazio ad inediti toni pastello che non hanno niente da invidiare al bianco più classico. Gli abiti in corto sono perfetti per un matrimonio civile. Quando avete un'idea del modello, fatevi accompagnare per la scelta definitiva da un’amica del cuore, che possa darvi dei consigli; non sottovalutate nulla durante le prove.


La sposa


Durante la cerimonia religiosa, non deve indossare i guanti che vanno invece appoggiati sull' inginocchiatoio o su una sedia in caso di cerimonia in municipio. Deve evitare di indossare gioielli ed anelli, può indossare solo piccoli orecchini che illuminino il viso. Se indossa un abito con lo strascico molto lungo sono d'obbligo anche le damigelle. La sposa può far attendere in chiesa il futuro marito e gli invitati per un massimo di 5-10 minuti.

L 'abito per lui


Anche l'uomo deve essere bello ed elegante, senza eccedere. Se la cerimonia è mattutina consigliamo il mezzo Tight, in quanto meno formale, mentre per le nozze pomeridiane e solenni, il Tight o un abito scuro. Comunque va benissimo anche un elegante monopetto grigio con gilet e cravatta in tinta così da essere utilizzato anche in altri momenti. Obbligatorie la camicia bianca con gemelli, le calze lunghe nere unitamente alle scarpe stringate.


La scelta della stagione


Molto importante è la scelta della stagione in cui sposarsi, da preferire a seconda della propria personalità e dei propri desideri. Noi consigliamo la primavera: la natura è stupenda, il clima é mite, è inoltre più vasta la scelta di fiori; qualsiasi sia la stagione, l'importante resta comunque non scegliere un periodo con feste importanti, in quanto ciò influisce sugli impegni delle chiese, i comuni sono spesso chiusi ed i viaggi di nozze sono più costosi. Secondo la tradizione, invece, il mese di giugno è considerato il più adatto per contrarre il matrimonio in quanto, secondo il mito, la Dea Giunone (moglie di Giove e dea del mese di giugno) è la protettrice dei matrimoni.


Il bouquet


Le forme dei bouquet possono essere diverse: rotondo, oppure compatto con fiori piccoli, è eccellente per un abito corto; aperto e voluminoso è adatto per un modello lungo fino alla caviglia; ricadente, si abbina perfettamente ad un abito con strascico; infine a fascio, meglio se tulipani o rose, ben indicato per un tailleur.


Per gli invitati


Se siete stati invitati al ricevimento di un matrimonio è opportuno dare un cenno di adesione con un anticipo di almeno 30 giorni, in modo che gli sposi possano calcolare il numero esatto degli ospiti. Se invece avete ricevuto solo la partecipazione è opportuno mandare un telegramma di auguri a casa di uno degli sposi o direttamente al ristorante; una telefonata è comunque sempre ben accetta.


I confetti


Come ringraziamento a tutti gli invitati vengono donati dalla sposa i confetti, di colore bianco ed in numero dispari, preferibilmente 5 per rappresentare le qualità della vita che non devono mancare nella vita degli sposi: salute, fertilità, lunga vita, felicità e ricchezza.
Nell’antichità venivano confezionati in preziosi sacchetti di tulle, come vuole la tradizione; durante il ricevimento la sposa, accompagnata dallo sposo, passa con un vassoio d'argento tra amici e parenti distribuendo confetti con un cucchiaio prezioso.


Bomboniere


Secondo il galateo le bomboniere vanno inviate agli invitati dopo 20 giorni dal matrimonio, ma spesso vengono consegnate personalmente dagli sposi al termine del ricevimento come ringraziamento; l'importante comunque è che siano tutte uguali, eccetto per i testimoni, a cui verranno donate delle bomboniere più particolari.


Invitati


Da evitare, secondo il galateo, il suono dei clacson durante il corteo nuziale, benchè per tradizione servisse a scacciare gli spiriti maligni e non per attirare l'attenzione dei passanti.

 

Torna Indietro